Altolà marrano pensiero vero!

Strano posto l'Italia! Belpaese con tanta bella gente cordiale simpatica  che sa divertirsi e allo stesso lavorare duro (dipende da dove ti trovi...) ma che per essere perfetta deve essere falsa, senza vergognarsi di mostrare tutte le sue ipocrisie più meschine. Anzi, bisogna essere pronti a cogliere ogni buona occasione per sfoggiare la propria vera vena di ipocrisia!
Dopo Morgan che è perfino salito sul Golgota di Bruno Vespa, a fare le spese del proprio pensiero è Beppe Bigazzi, co-conduttore della trasmissione La prova del cuoco.
La sua imperdonabile colpa non è stata nemmeno quella di aver parlato della storica tradizione di cucinare il gatto in Toscana! Ha riportato un antico proverbio toscano: "A Carnevale chi non ha ciccia ammazza il gatto". Tutto qua.
Da buon vicentino dovrei difenderlo come un fratello, lo faccio pure, ma non per un piatto in comune, ma per la libertà di pensiero che ognuno di noi dovrebbe (il condizionale dovrebbe essere opzionale!) avere.
Si è mossa perfino l'onorevole leghista Martini, Sottosegretario alle politiche sociali alla salute e al lavoro, molto sensibile al mondo animale [1] [2], che ha minacciato denunce per istigazione a delinquere (ai sensi dell'art. 414 del Codice Penale).
...o lei è furba o io non capisco una tega!
Dove sta la delinquenza in questo caso? Narrare dei detti tradizionali? Secondo me l'onorevole Martini, da buona veronese, ce l'ha coi magnagatti in generale perché le ricordano i vicentini.
In verità il reato deriva dall'art. 544-bis dello stesso Codice e recita: "chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale, è punito con la reclusione da 3 a diciotto mesi". Ecco, il Bigazzi non ha mica fatto del male ad alcun animale mi pare!
Fatto ancora più grave perché si è verificato durante una trasmissione della tv pubblica. Giusto. Visto che è la Rai, il tasso di ipocrisia deve essere ancora più elevato, allo stesso livello di quello di bacchettonaggine che vi regna da quando è nata! E ormai, la Rai ha smesso da tempo di dare un qualsiasi servizio...
Mi immagino il cuoco toscano, o quello vicentino che ha appena tirato fuori il gatto dalla neve dopo averlo fatto frollare per qualche giorno, mandare sonoramente a quel paese l'on. Martini intervallando l'invito con vari intercalari blasfemi (altra cosa che unisce Veneto e Toscana).
Forse se la definiscono "Quell'onorevole vacca" nemmeno se la deve prendere.
Basta! Mi sono rotto le palle di tutto questo perbenismo del cazzo! 
In Parlamento ci sono più delinquenti dichiarati da una sentenza che in carcere e ci vogliono fare la morale guadagnando sacchi di palanche a spese nostre!
Non mi sembra che siano persone nella giusta posizione per insegnarci qualcosa in questo momento.
Se Morgan si fa dell'impossibile per stare meglio che me ne frega? Gli auguro di cambiare idea prima di bruciarsi tutti i neuroni. Altrimenti stracazzi suoi!
Se Bigazzi a Carnevale si sfonda lo stomaco a gatti in umido non posso che essere contento per lui!
Io entrambe le cose di cui sopra non le farò. Ne' sarò istigato perché lo dicono loro! Preferisco l'acol o una bistecca di manzo! Spiacenti per loro ma con me hanno fallito, SE il loro intento era quello. Ma non lo era, chiaro!
Mi sembra ci siano problemi più importanti adesso di cosa tira su uno o butta giù l l'altro.
Però, come detto, non si perde mai l'occasione per dimostrare la propria idiozia!
E pur di piacere ci si rinnega.
Chissà se l'onorevole leghista ha una pelliccia di gatto a casa o un paio di scarpe di pelle. Qualsiasi, basta che sia pelle! Anche sui sedili della sua auto. Anche sul divano del suo salotto.
Tanto per finire, chissà se questo povero blog verrà chiuso perché qualche tempo fa ho avuto il coraggio di pubblicare la ricetta del gato in tecia!

Read Users' Comments (1)commenti

1 Response to "Altolà marrano pensiero vero!"